Si è chiusa la stagione 2017 della Chinese Super League, con il Guangzhou Evergrande e lo Jiangsu Suning che parteciperanno all’ultimo capitolo, la finale della CFA Cup. Alla 30ma giornata rimaneva da decretare la squadra che sarebbe salita sul gradino più basso del podio e le retrocesse. Al terzo posto conclude il proprio cammino lo Shanghai Sipg di Eriksson, mentre a sprofondare in China League One, incredibilmente vi è l’Hangzhou Greentown.

DECADE LO ZHEJIANG

A inizio stagione l’Hangzhou sembrava essere una delle squadre più attrezzate per raggiungere la salvezza, grazie ai propri giovani (è la società che usa maggiormente gli U23 del proprio vivaio) e gli ingaggi ad effetto di Tim Cahill e Gabionetta dalla Salernitana.
Alla 26ma giornata dopo che Anselmo Ramon aveva guidato l’Hangzhou in una spettacolare vittoria per 3-0 contro lo Jiangsu Suning, la salvezza sembrava estremamente vicina, ma nelle ultime quattro giornate per gli uomini del coreano Hong sono giunte una sconfitta e tre pareggi consecutivi, l’ultimo in casa per 2-2 contro lo Yanbian Funde, la squadra della prefettura coreana di Jilin.

Lo Yanbian, seppur salvo, ha giocato la propria partita, ribaltando l’iniziale vantaggio di Ramon, con le reti di Yoon e del difensore serbo Petkovic nella ripresa. L’Hangzhou h attaccato a speron battuto senza più trovare la via del gol, se non all’ultimo secondo, con il rigore trasformato da Gabionetta, con il quale la squadra della capitale dello Zhejiang saluta la CSL dopo esservi approdati nel 2007.

IL SIPG E’ LA PRIMA SQUADRA DI SHANGHAI

 

La lotta per il terzo posto (che ricordiamo, concede un preliminare decisamente più morbido in AFC Champions League, rispetto alla quarta piazza), era direttamente legata alla salvezza, dato che lo Changchun Yatai, affrontava in casa lo Shanghai Shenhua di Manzano.

I Blue Devils erano stati sorpassati lo scorso turno dal Sipg dopo il pareggio a reti bianche nel derby di Cina contro il Beijing Guoan, e all’ultima giornata giunge una sconfitta contro lo Yatai per 1-0, grazie alla rete di Pei Shuai alla fine del primo tempo. La squadra della provincia nord orientale di Jilin ha raggiunto la salvezza grazie a un ottimo cammino nelle ultime partite, con quattro vittorie consecutive che l’hanno risollevata dall’ultimo posto per concludere il campionato dodicesimi.

La scorsa stagione Manzano era alla guida del Beijing Guoan, che ha concluso il campionato in calando, con un tonfo per 4-0 nel JingJing derby alla penultima giornata contro il Tianjin Teda. Anche quest’anno il tecnico spagnolo alla guida dello Shanghai Shenhua ha fallito l’approccio nelle ultime battute del campionato, collezionando tre pareggi e una sconfitta che hanno permesso ai rivali cittadini del Shanghai Sipg di concludere al terzo posto.

Le Metal Eagles di Eriksson hanno trionfato in casa per 3-1 sull’Hebei Fortune di Pellegrini, che in settimana ha perso Gervinho per ben sei mesi a causa della rottura dei legamenti in allenamento. Allo Shanghai Stadium vi è una sola squadra a dettare il ritmo del gioco: il Sipg sblocca subito le marcature grazie al maldestro e goffo autogol del difensore turco Gulum. Il raddoppio porta la firma di Wu Lei, che torna finalmente al gol dopo cinque giornate di digiuno che ne hanno compromesso le ambizioni di capocannoniere del torneo. Nella ripresa accorcia le distanze Dong Xuesheng, ma subito Elkeson rimette al sicuro il risultato con un tiro a giro rasoterra.

IN PREPARAZIONE DELLA FINALE

I campioni del Guangzhou Evergrande vincono e divertono in casa, strapazzando per 4-0 lo Shandong Luneng di Pellè e Felix Magath, di fronte la presenza compiaciuta di Marcello Lippi.

Scolari schiera un attacco inedito, con Goulart alle spalle di Alan e sugli esterni Zheng Long e il giovane Liao Lisheng, che solo a titolo acquisito ha avuto chance da titolare pronte mante ripagate. Il Guangzhou sblocca le marcature con Ricardo Goulart, che si fionda di testa sullo splendido lancio di Long. Il raddoppio porta la firma di Lisheng, che lascia partire un bolide dal limite dopo uno scambio nello stretto con Alan. Il brasiliano ex Salisburgo troverà la rete nella ripresa su calcio di rigore, mentre Goulart sigla la doppietta personale con un tiro all’incrocio, che lo consacra a capocannoniere del torneo con 19 reti.

All’85’ della partita del Tianhe Stadium un grande passaggio generazionale: esce il capitano di 35 anni Zheng Zhi e fa il suo debutto il sedicenne Zhang Aokai, al quale viene affidata la fascia.

Lo Jiangsu Suning va a far visita a Shenyang al Liaoning Whowin, imbottito di riserve, con i soli Ramires e Sainsbury titolari. I padroni di casa trionfano per 1-0 grazie alla rete del difensore Lukimya, provvidenziale nella rincorsa alla salvezza dopo aver siglato il pareggio nella penultima giornata in casa del Guangzhou R&F.

LE BATTUTE CONCLUSIVE

Nelle altre partite di giornata, il Beijing Guoan trionfa in casa per 3-1 sull’Henan Jianye, dominando di fronte al Worker Stadium con le reti del brasiliano ex Corinthians, Renato Augusto e la doppietta di Burak Yilmaz.

Il Tianjin Teda raggiunge la salvezza grazie alla vittoria per 2-1 sul Chongqing Lifan grazie alla doppietta dell’attaccante senegalese Diagne, che chiude la stagione con 10 centri in campionato.

Aveva salutato da tempo la Chinese Super League lo Shijiazhuang, squadra della capitale dell’Hebei, che retrocede dopo due anni nella massima divisione, salutando il suo numeroso pubblico del Yutang Sport Center con una vittoria per 3-2 ai danni del Guangzhou R&F. Al ritorno dall’infortunio torna in campo e segna Mao Jiangqing, genio e sregolatezza che è mancato tanto in questa stagione allo Shijiazhuang, ma che potrà aiutare la sua squadra a risalire subito in CSL il prossimo anno.

Risultati 30ma giornata

SHIJIAZHUANG-GUANGZHOU R&F 3-2 (16’ Renaitinho, 46’ Matheus, 63’ Zhi, 72’ Jiangqing, 92’ Mauricio)

SHANGHAI SIPG-HEBEI FORTUNE 3-1 (4’ Aut. Gulum, 36’ Wu Lei, 84’ Xuesheng, 85’ Elkeson)

LIAONING-JIANGSU SUNING 1-0 (70’ Lukymia)

BEIJING GUOAN-HENAN JIANYE (38’ Augusto, 67’ e 72’ Yilmaz, 87’ Sow)

CHANGCHUN YATAI-SHANGHAI SHENHUA 1-0 (44’ Pei)

CHONGQING LIFAN-TIANJIN TEDA 1-2 (18’ e 58’ Diagne, 54’ Kardec)

HANGZHOU GREENTOWN-YANBIAN 2-2 (31’ Ramon, 43’ Bit Garam, 72’ Petkovic, 96’ Gabionetta)

GUANGZHOU EVERGRANDE-SHANDONG LUNENG 4-0 (12’ e 67’ Goulart, 22’ Lisheng, 51’ Alan)

Classifica

1. Guangzhou 30 19 7 4 62:19 64
2. Jiangsu Suning 30 17 6 7 53:33 57
3. Shanghai SIPG 30 14 10 6 56:32 52
4. Shanghai Shenhua 30 12 12 6 46:31 48
5. Beijing Guoan 30 11 10 9 34:26 43
6. Guangzhou R&F 30 11 7 12 47:50 40
7. Hebei 30 11 7 12 34:38 40
8. Chongqing Lifan 30 9 10 11 43:50 37
9. Yanbian 30 10 7 13 39:41 37
10. Liaoning 30 9 9 12 38:47 36
11. Tianjin Teda 30 9 9 12 38:50 36
12. Changchun Yatai 30 10 5 15 30:44 35
13. Henan Construction 30 10 5 15 26:44 35
14. Shandong Luneng 30 9 7 14 38:45 34
15. Hangzhou Greentown 30 8 8 14 28:37 32
16. Shijiazhuang 30 7 9 14 28:53 30

8 thoughts on “CSL, ultimo turno: l’Hangzhou Greentown retrocede, lo Shanghai Sipg si conferma terzo, il Guangzhou chiude con uno spettacolo”

  1. Spero nella prossima stagione il predominio nazionale del Guangzhou venga interrotto. Mi piacerebbe una sorpresa alla Leicester, ma la vedo dura. In ogni caso scommetto sull’Hebei Fortune, sono sicuro investiranno pesantemente sul mercato (Yaya Touré?) e Pellegrini risistemerà la squadra.

    1. Il livello dei cinesi dell’Hebei è basso… credo abbia molte più possibilità lo jiangsu o le due i Shanghai, sopratutto lo Shenhua se entrerà subito in forma, per il gioco espresso quest’anno

      1. Sì, in questa stagione hanno fatto pietà. Però complice il brutto infortunio di Gervinho, per forza di cose prenderanno uno straniero forte, pensa che coppia di centrocampo M’Bia/Yaya Touré… Poi in attacco (oltre ai vari Lavezzi e Kakuta), c’é sempre un certo Dong Xuesheng, che a mio avviso viene parecchio sottovalutato.

  2. Oltre allo Jiangsu e alle due di Shanghai, ci sarebbero anche Guangzhou R&F e Shandong se cominciano a girare come si deve… Il mio sogno comunque rimane la classica favola dell’underdog, che contro tutti i pronostici trionfa. Nel caso opterei per lo Yanbian (che già quest’anno ha fatto un grande campionato) o il Lifan, ma in questo caso sono di parte. 🙂

    1. Underdog? Guardiamo alla League One, nel breve medio periodo perme il calcio della Mongolia Interna e dello Xinjiang emergerà prepotentemente

  3. Vero, la League One per certi versi é ancora più affascinante della CSL. Sulla carta a mio avviso il Renhe rimane la squadra più competitiva (d’altronde una rosa con Jelavic, Misimovic e Salihovic…). Mi piace anche il Wuhan Zall di Ferrara, un giocatore in particolare, il difensore centrale Ottesen, una roccia!

    PS . Non riesco a visualizzare i commenti dallo smartphone, é un problema del mio dispositivo oppure un impostazione apposita del sito?

Comments are closed.