Pareggio prezioso, per come maturato, per l’SIPG di Vítor Pereira che rimanda alla partita di ritorno ogni tipo di verdetto, travolgente l’Ulsan che si conferma una delle massime favorite per la vittoria finale. Sarà l’anno della vittoria di una rosa Coreana?

Provo d’orgoglio per le “Super Eagles”

Nonostante una disparità tecnica evidente e qualche assenza pesante, lo Shanghai SIPG strappa un pareggio fondamentale nel match cartello della settimana di Asian Champions League contro il temibile Jeonbuk. Alla rete immediata di Moon Seon-min, ha risposto prima della fine della prima frazione Wang Scenchao che con un perfetto colpo di testa super l’incolpevole Beom-keun Song. Sugli scudi Yan Junling, per niente distratto dalle sirene di mercato che lo vogliono diretto in Spagna, che in più di un’occasione salva i compagni dal doppio svantaggio e dalla conseguente, pronosticabile, eliminazione. In ombra il trio brasiliano: Oscar, Hulk, Elkeson sembrati in evidente difficoltà fisica/tattica, per il ritorno urge porre rimedio alla situazione, basteranno 7 giorni?. L’1-1 finale lascia comunque speranza e rende ulteriormente interessante la sfida al Jeonju World Cup Stadium.

SHANGHAI SIPG – JEONBUK 1-1 (39′ Wang Shenchao / 1′ Seon Min)

Straripante Ulsan Hyundai

Vince e convince la rosa di Kim Do-hoon che contro un temibile Urawa, passato addirittura in vantaggio, ribalta e porta a casa una vittoria fondamentale in vista della sfida di ritorno da giocare in Corea. Il classe 90′ Joo Min-Kyu e Hwang Il-su firmano la vittoria della squadra ospite che condanna i giapponesi all’impresa impossibile, all’Ulsan Munsu Football Stadium, tra meno di 7 giorni…

URAWA REDS – ULSAN HYUNDAI 1-2 (37′ Sugimoto/42′ Joo Min-Kyu, 80′ Hwang Il-su)

 

.