Gli animi del calciomercato si sono placati rispetto alla scorsa settimana dove abbiamo assistito alle ufficialità di Mascherano, Bakambu e Gudelj. Oggi vi raccontiamo colpi di mercato decisamente meno eclatanti come l’ingaggio di Augusto Fernandez da parte del Beijing Renhe o il ritorno in Turchia di Demba Ba

Precedenti episodi: ep. 1 / ep. 2  / ep 3 / ep 4 ep 5ep. 6ep. 7ep. 8ep. 9ep. 10/ ep. 11

Le Nuove Regole su stranieri e U23 (clicca qui)

Riassunto transfermarkt (clicca qui)

Tabella Giocatori Stranieri

Augusto Fernandez lascia Madrid, per lui c’è il Beijing Renhe

La compagine neopromossa di Pechino acquista il centrocampista spagnolo Augusto Fernandez dall’Atletico Madrid. Quest’anno ha trovato poco spazio nello scacchiere di Simeone (solo 10 presenze in tutte le competizioni e 522 min. giocati). Augusto in Spagna ha vestito anche la maglia del Celta Vigo, con cui ha vissuto le sue migliori stagioni. Vanta anche 16 presenze e un gol con la maglia dell’Argentina. Il trasferimento si è concluso per 4.5 milioni di euro e ora il Beijing Renhe vanta in rosa quattro stranieri: vi sono anche il centrocampista Ivo Da Rosa e gli attaccanti Ayovi e Masika

Lo Shanghai Shenhua sul sino-tanzaniano Fulang Xisi, Demba Ba torna in Turchia

Primo colpo in entrata per lo Shanghai Shenhua (oltre al ritorno dai prestiti di Oscar Romero e Demba Ba) che ingaggia il difensore sino-tanzaniano Aidi Fulang Xisi (27), proveniente dai portoghesi del Boavista, con cui in questa stagione non ha disputato alcuna partita. Aidi ha vissuto le sue migliori stagioni con la maglia del Dalian Yifang nelle stagioni 2014 (culminata però con la retrocessione) e 2015, per poi tentare la fortuna in Portogallo. Aidi Fulang Xisi non conta come uno straniero, può essere impiegato come cinese a tutti gli effetti. Per il difensore sino-tanzaniano si tratta di un ritorno a Shanghai dato che egli è un prodotto del settore giovanile del Sipg

Come accennato settimana scorsa, è oramai ufficiale il passaggio di Demba Ba a titolo gratuito al Goztepe (SuperLig turca). L’attaccante senegalese ha disputato una stagione e mezzo con la maglia dei Blue Devils (dall’estate 2015 e tutto il 2016) con l’invidiabile score di 37 presenze e 29 reti.

Primo colpo del Dalian Yifang: arriva Mate Males dalla Corazia

La squadra neopromossa di Dalian dopo i diverbi con lo Sports Bureau Locale per quanto concerne la questione allenatore, finalmente piazza il primo colpo di mercato e ingaggia il croato Mate Males, centrocampista difensivo di 28 anni proveniente dal Rijeka. Mate Males ha disputato tutta la sua carriera in Croazia e difficilmente potrà essere un valore aggiunto per il Dalian Yifang, il cui obiettivo presumibilmente sarà la salvezza.

Fredy Montero torna allo Sporting Lisbona

Si separano definitivamente le strade dell’attaccante colombiano Fredy Montero e del Tianjin Teda. Fredy, dopo essere tornato dal prestito a Vancouver in MLS, si trasferisce a titolo definitivo allo Sporting Lisbona, squadra con la quale ha militato fra il 2013 e il 2015 (95 presenze e 37 gol). Montero ha giocato per il Tianjin Teda solo nella stagione 2016 dove ha collezionato 29 presenze e segnato solo nove gol.

Club ancora immobili sul mercato

Lo Shanghai Shenhua e il Dalian Yifang hanno piazzato il loro primo colpo in entrata solo settimana scorsa, ma sono ancora quattro i club che non hanno acquistato nuovi giocatori (non contiamo i ritorni dai prestiti): Shanghai Sipg, Shandong Luneng, Henan Jianye e Changchun Yatai

 

4 thoughts on “Calciomercato CSL (ep. 12): Augusto Fernandez vola a Pechino, lo Shenhua ingaggia il sino-tanzaniano Fulang Xisi”

  1. Non so, ho sempre pensato che lo Shandong abbia giá una rosa competitiva, gli servirebbe solo un bomber (straniero) da 20 gol a stagione per puntare in alto. Giocatori cinesi in prospettiva come Liu Junshuai, Wang Tong, Wu Xinghan, Jin Jingdao e Li Hailong non ce li ha nessuno.

  2. Tornando invece al mercato in entrata, Augusto Fernandez la vedo una buonissima operazione da parte del Renhe, a Vigo fu un pilastro del centrocampo, ha esperienza e carisma. La Pechino calcistica ha bisogno di valide alternative al Beijing Guoan, come spero che anche l’Enterprises faccia bene quest’anno (allenatore permettendo, ma Gohou é un tipo di finalizzatore che in League One puó fare un sacco di gol se messo in condizione).

    1. Culturalmente il Beijing Guoan è fortissimo, ho recentemente scoperto che è molto legato atutta la cultura punk e skinhead sharp. le altre squadre, come anche il beijing renhe, non hanno identità

Comments are closed.