Meno di due settimane alla fine del calciomercato in Cina: in questa settimana l’assoluto protagonista è stato il Dalian Yifang che ha ufficializzato Marek Hamsik e l’allenatore coreano Choi Kang Hee, mentre allo Shanghai Shenhua giunge Odion Ighalo.

Tabella trasferimenti transfermarkt:
-Chinese Super League (clicca qui)
-China League One (clicca qui)

Dopo una lunga trattativa che sembrava essere compromessa, Marek Hamsik lascia il Napoli dopo dodici anni per accasarsi al Dalian Yifang. L’operazione si è conclusa, come voluto dal presidente De Laurentis, sulla base di quindici milioni di euro più bonus. Marek Hamsik nel weekend ha lasciato l’Italia e nella giornata di sabato è arrivato in Cina dove si aggregherà ai suoi nuovi compagni con la  stagione che parte il primo di marzo. Ora è completo il reparto stranieri del Dalian Yifang che comprende anche il nazionale belga Yannick Carrasco, l’esterno argentino Nico Gaitan e l’attaccante originario dello Zimbawe, Nyasha Mushewki.

Dopo la cessione di Demba Ba, lo Shanghai Shenhua ufficializza l’arrivo dell’attaccante della nazionale nigeriana Odion ighalo. L’ex Changchun Yatai ha disputato le ultime due stagioni in Chinese Super League, segnando 21 gol nella scorsa stagione, ponendosi come vice capocannoniere della manifestazione. Odion Ighalo ritroverà l’allenatore Quique Sanchez Flores, con cui giocò in Inghilterra ai tempi del Watford. Lo Shanghai Shenhua ha ora quattro stranieri in rosa, oltre al nuovo arrivato rimangono i colombiano Giovanni Moreno e Freddy Guarin ed il paraguaiano Oscar Romero.

In settimana lo Changchun Yatai si è anche privato del centrocampista offensivo Adrian Mierzejewski, firmando per il Chongqing Dangdai di Jordi Cruijff. Il polacco classe 1986 è giunto la scorsa estate in Cina disputando 19 partite andando a segno 3 volte, ma sopratutto ha servito 8 assist dimostrando grande qualità. Anche il Chongqing Dangdai ha completato gli slot per gli stranieri dato che i tre brasiliani sono confermati: Fernando, Fernandinho e Alan Kardec.

Dopo un lungo tira e molla si conclude la telenovela dell’allenatore Dalian Yifang, il club di Yannick Carrasco e Marek Hamsik, che ufficializza Choi Kang Hee, allenatore coreano che rimpiazza il tedesco Bernd Schuster. Choi Kang Hee è un’autentica leggenda in patria, avendo vinto sei campionati con il Jeonbuk oltre a due AFC Champions League. Precedentemente aveva firmato per il Tianjin Quanjian (ora Tianhai), ma i problemi economici del club, a seguito dell’arresto del presidente, hanno portato alla rescissione anticipata del contratto.

Oltre ad aver ufficializzato Hamsik e l’allenatore Choi Kang Hee, il Dalian Yifang rafforza la propria ossatura straniera con gli arrivi del difensore Li Jianbin (Shanghai Shenhua), il terzino destro Zhao Mingjiang (Hebei Fortune) e il mediano Zhao Xuri (Tianjin Tianhai). Proprio quest’ultimo ha partecipato all’ultima Asian Cup con la nazionale cinese. Il Dalian Yifang riscatta inoltre confermando in rosa il centrocampista Qin Sheng e il difensore Shanping.

Il mercato Tianjin Tianhai è veicolato dalla Federcalcio cinese, che sta trasformando il club in una squadra di sviluppo per la Nazionale così come il Guangzhou Evergrande, inducendo il trasferimento di giocatori U25 che hanno la possibilità di far parte del nuovo ciclo della Nazionale. I nuovi acquisti sono quelli dei centrocampisti Yao Junsheng dallo Shandong Luneng e Zhang Xiaobin dallo Jiangsu Suning. Sembra che i due club siano stati obbligati a cedere in prestito i due calciatori.

Sul fronte stranieri invece, sempre per il Tianjin Tianhai, si registra l’arrivo di Renatinho, ritratto qui in foto con l’altro neo acquisto e connazionale Alan Carvalho.  Renatinho, classe 1988, che vanta esperienza in Giappone (Kawasaki Frontale) e CSL, proviene dal Guangzhou R&F, dove si trasferì nell’estate del 2015. Con la maglia dei Blue Lions, in tre stagioni e mezzo ha disputato 91 partite e messo a segno 36 gol e servito 21 assist. Nella stagione 2018 Renatinho ha giocato 25 partite andando a segno 9 volte (più 8 assist). Un funambolo che sicuramente sarà fondamentale per un salto di qualità al nuovo corso del Tianjin Tianhai.