In questo appuntamento con il calciomercato cinese ci andiamo ad occupare delle leghe minori, ovvero la China League One e la League Two. Secondo le ultime regole diramate dalla Federazione, potranno essere tesserati sempre tre stranieri in League One, ma solo due di questi potranno essere convocati. I  principali protagonisti di questo riassunto di calciomercato sono Anthony Ujah, che lascia il Liaoning per tornare in Bundesliga, e Victor Ramos, che approda al Meizhou Techand

Precedenti episodi: ep 1

Regole per stranieri e U23 stagione 2018 (clicca qui)

Riassunto transfermarkt (Clicca qui)

Anthony Ujah torna in Bundesliga

Dopo un ano e mezzo si separano le strade del Liaoning e dell’attaccante nigeriano Anthony Ujah, il quale torna in Bundesliga per vestire la maglia del Mainz per poco più di 3 milioni di euro. Una minusvalenza significativa per il club di Shenyang che nell’estate del 2016 lo aveva pagato ben 11 milioni di euro dal Werder Brema. Dopo un ottimo 2016 con la maglia delle Tigri del Nordest, in quest’ultima stagione Ujah è stato totalmente inefficace, segnando solo 5 gol in 24 presenze. Il 2017 si è infatti concluso con la retrocessione in League One del Liaoning

Dalla Chapecoenese al Meizhou Techand

Io neopromosso Meizhou Techand ha messo a segno il suo primo colpo di mercato straniero ingaggiando il difensore centrale Victor Ramos dalla Chape. Ex Esporte Clube Vitoria in Brasile e Monterry in Messico, Victor Ramos vanta un breve trascorso in Europa da giovane con la maglia dello Standard Liege, dove però non è mai riuscito ad imporsi. Il trasferimento dal club brasiliano al Meizhou Techand si è concretizzato a titolo gratuito.

Shi Tang al Guangzhou Evergrande

Come vi abbiamo già esposto nell’articolo sul calciomercato della Chinese Super League, il Meizhou Hakka ha ceduto al Guangzhou Evergrande il giovane Shi Tang per un prezzo ancora indefinito. L’esterno sinistro cinese ha trascorso l’ultima stagione in prestito al Beijing Guoan dove ha messo assieme 14 presenze

Nuovi volti in panchina

Dopo Li Tie al Wuhan Zall e Sergi Barjuan all’Hangzhou Greentown, in queste ultime settimane vi sono stati ulteriori cambiamenti sulle panchine della China League One

-Dopo una stagione trascorsa lontano dalle zone alte della classifica, lo Shanghai Shenxin ha interrotto il rapporto con lo spagnolo Juan Ignacio Martinez per ingaggiare il cinese Zhu Jiang (44) che allenò il club di Shanghai dal 2009 al 2013 con cui conquistò la promozione in massima serie

-Il Liaoning solleva dall’incarico il traghettatore Zhao Junzhe in favore di un altro cinese, Chen Yang, ex giocatore della squadra di Shenyang dal 1995 al 2005 nell’ultima stagione ha allenato il Wuhan Zall subentrando a Ciro Ferrara.

-Il Meizhou Hakka non ha rinnovato il contratto al bulgaro Aleksandar Stankov dopo un’ardua stagione culminata con la salvezza per ingaggiare il bosniaco Rusmir Cvikov, ex assistente della nazionale della Bosnia Herzegovina, nelle ultime due stagioni ha allenato in Cina il Dalian Transcendence.

League Two: Goran Stevanovic torna alla guida del Qingdao Jonoon

In un mercato che non ammette stranieri in campo, nella League Two ci focalizziamo prettamente sugli allenatori provenienti dall’estero. Lo scorso 25 dicembre il Qingdao Jonoon ha ingaggiato il  Goran Stevanovic. Si tratta di un ritorno per l’allenatore serbo, che allenò in Super League la squadra della provincia di Shandong nella stagione 2013, un esperienza decisamente sfortunata che culminò con la retrocessione. Prima di tornare in Cina, Goran nel 2015 è stato ingaggiato con un contratto di un anno e mezzo per guidare i greci dell’Agrotikos Asteras