Il 23° Turno della Chinese Super League, prima della lunga sosta per le nazionali: la serie di vittorie consecutive del Guangzhou Evergrande si ferma a 13, riaprendo così uno spiraglio di speranza per le inseguitrici Beijing Guoan e Shanghai Sipg. Giornata positiva per gli italiani, con El Shaarawy che trova la sua prima rete con lo Shenhua e Roberto Donadoni la prima vittoria con lo Shenzhen Kaisa.

L’Evergrande si ferma a 13, si avvicinano Guoan e Sipg

Dopo 13 vittorie consecutive si arresta l’inarrestabile marcia del Guangzhou Evergrande. A sorpresa, gli uomini di Fabio Cannavaro vengono fermati sull’1-1 in casa dal Chongqing Dangdai di Jordi Cruijff. Sblocca le marcature Anderson Talisca, ma dopo una manciata di minuti un coast to coast di Jie Feng ammutolisce il Tianhe Stadium. Il Guangzhou Evergrande non riesce dunque a battere il record di 13 vittorie consecutive stabilito nel 2006 dallo Shandong luneng, ma solo ad eguagliarlo.

Il pari del Chongqing Dangdai

Il pareggio dei cantonesi riaccende un barlume di speranza nelle possibilità di rimonta del Beijing Guoan, che vince per 0-2 sul campo del Dalian Yifang di Rafa Benitez con le reti dei giovani attaccanti, Ba Dun e Yuning Zhang, portandosi così a -5 dalla vetta a sette giornate dal termine. Ma per gli uomini di Bruno Genesio, ora è vietato assolutamente sbagliare.

Yuning Zhang chiude la partita

Dopo quattro pareggi consecutivi ritorna alla vittoria lo Shanghai SIPG che vince 5-1 contro il Tianjin Teda portandosi a -6 dalla vetta. La partita rimane piuttosto stabile durante i primi 45′ di gioco (il primo tempo si conclude sull’1 a 1), per poi cambiare ritmo nella seconda metà, con i padroni di casa che innescano un tiki-taka fatale per i grigio-azzurri. Ancora in gol Marko Arnautovic, con un gran tiro da fuori area, che sale così a quota quattro dopo appena cinque incontri disputati, ma nella ripresa l’austriaco è costretto ad abbandonare il campo per infortunio.

La bomba di Marko Arnautovic

Tonfo dello Shandong, Jiangsu Suning a -3 dalla zona Champions

Sempre instabile il cammino dello Shandong Luneng per conservare il quarto posto. Gli Orange Fighters di Graziano Pellè perdono per 2-1 in casa del Wuhan Zall. Alla prima rete in terra cinese del neo acquisto Moises, i padroni di casa rispondono in rapida successione con Tian Ming e Yun Liu, ribaltando il risultato nell’arco di cinque minuti. Wuhan Zall incredibilmente sesto, a soli sei punti dallo Shandong Luneng.

Wuhan Zall, la rete della vittoria

Da Nanchino vi sono molteplici speranze di rimonta: lo Jiangsu Suning vince infatti 3-0 contro l’Henan Jianye, ormai forse già appagato per una salvezza quasi raggiunta (+9 dalla penultima posizione). Vanno a segno sia Alex Teixeira, su rigore, che Eder, con uno splendido tiro al volo a incrociare, portando così lo Jiangsu a quota 34 punti, a sole tre lunghezze dallo Shandong Luneng.

L’undicesimo gol in campionato di Eder

Prima rete di El Shaarawy e primo successo per Donadoni

Prima rete in terra cinese per Stephan El Shaarawy! Il Faraone parte per la prima volta da titolare con lo Shanghai Shenhua, contribuendo in maniera sostanziale al pareggio per 2-2 in casa del Tianjin Tianhai in un diretto scontro salvezza con assist (per Gio Moreno) e il gol del momentaneo vantaggio. Shenhua stabilmente a +5 sulla zona retrocessione, con una partita in meno.

La prima rete del Faraone

Torna alla vittoria dopo più di tre mesi lo Shenzhen, con un 4-0 ai danni del Guaghzou R&F che sta facendo molto discutere. L’arbitro neozelandese Matthew Conger ha infatti assegnato alla squadra di casa ben 3 rigori, di cui almeno il primo era praticamente inesistente. Oltre a non esserci stato il fallo, l’arbitro non ha neanche controllato l’azione al VAR, e ha espulso direttamente il difensore Jiang Jihong. Tralasciando questo fatto, si è trattata della prima vittoria in terra cinese per Roberto Donadoni, a cui spetterà il delicato compito di far rimanere in CSL la squadra del sud della Cina, attualmente a parimerito a 18 punti con il Tianjin tianhai al penultimo posto

Un rigore senza senso

Nello scontro salvezza tra il Beijing Renhe e l’Hebei Fortune la spuntano i secondi per 1-2, grazie alla rimonta finalizzata da Ezequiel Lavezzi e Dong Xuesheng. Per la seconda squadra di Pechino, invece, è andato in gol l’argentino Augusto Fernandez, al suo primo centro dell’anno, dopo una stagione sfortunata, in cui un infortunio l’ha tenuto lontano dal campo per quattro mesi. Beijing Renhe ultimo a -6 dalla zona salvezza, oramai quasi condannato alla retrocessione.

Dong Xuesheng decide il match

La Chinese Super League si ferma ora per un mese e riprenderà il 13 settembre

Tabellini e Marcatori

JIANGSU SUNING – HENAN JIANYE 3-0 (’47 Eder, ’66 Texeira, ’80 Pengfei)

SHENZHEN – GUANGZHOU R&F 4-0 (’45 (p), ’94 Sousa, ’54 Mary (p), ’90 Gan Chao)

SHANGHAI SIPG – TIANJIN TEDA 5-1 (10′ Wenjun, 48′ Arnautovic, 72′ Li Shenglong, 85′ Cai Huikang, 90′ Akhmedov/ 18′ Wagner)

BEIJING RENHE – HEBEI FORTUNE 1-2 (27′ Fernandez / 32′ Lavezzi, 73′ Dong Xuesheng )

DALIAN YIFANG – BEIJING GUOAN 0-2 (56′ Ba Dun, 86′ Yuning Zhang)

GUANGZHOU EVERGRANDE – CHONGQING LIFAN 1-1 (30′ Talisca / 32′ Jie Feng)

TIANJIN TIANHAI – SHANGHAI SHENHUA 2-2 (49′ Xu Yang, 72′ (rig) Renatinho / 39′ Moreno, 58′ El Shaarawy,)

WUHAN ZALL – SHANDONG LUNENG 2-1 (23′ Tian Ming, 28′ Yun Liu)

Classifica