Nella nona giornata di Chinese Super League non sono mancate di certo le emzoioni: vincono sia Beijing Guoan (27 punti) che Shanghai SIPG (22), mentre la sorpresa Chongqing Lifan si prende il quarto posto superando lo Shandong Luneng. Sprofondano, infine, sempre più in basso Dalia Yifang, Tianjin Tianhai, Hebei e Beijing Renhe.

Arriva a 9 vittorie il Guoan, rimonta del SIPG sullo Shandong, e un altro stop per l’Evergrande

Il Beijing Guoan sigla la sua nona vittoria consecutiva contro uno Shenzhen surclassato dal primo all’ultimo minuto (e zero tiri nello specchio porta). La gara è terminata per 3 a 0 in favore dei padroni di casa, con i giallo-verdi che hanno perforato da tutte la rocambolesca difesa a tre avversaria. In gol Cedric Bakambu (prima doppietta stagionale in campionato), che si è divertito a far girare la testa all’ultimo uomo Guo Wei, e Renato Augusto (anche un assist per lui). Vittoria che fa rimanere il Guoan stabile a +5 sul SIPG.

Che partita quella tra Shanghai SIPG e Shandong Luneng (2-1): 3 reti totali, due gol annullati (entrambi per gli ospiti) e un rigore concesso a partita praticamente terminata. Lo SIPG ha controllato la gara creando diverse occasioni, ma il Luneng (senza Graziano Pellè) si è fatto più pericoloso che mai attraverso contropiedi micidiali. La partita sembrava dovesse terminare in parità, con Elkeson che aveva risposto a Roger Guedes, quando all’ultimo minuto viene annullato il gol di Gil (Shandong Luneng), e nell’azione successiva viene concesso il rigore al SIPG, trasformato poi da Hulk (4 gol nelle ultime 3 partite). Rimane secondo lo SIPG a – 5  dal Guoan e a +3 sull’Evergrande. Il Luneng invece scende alla 5° posizione.

Nell’altro big match del 9° turno, finisce 2 a 2 la sfida tra il Guangzhou Evergrande e il Jiangsu Suning. I padroni di casa hanno creato di più, ma sono anche andati spesso in confusione nella fase difensiva, permettendo a Eder e compagni di ribaltare la situazione in meno di dieci minuti. Gran gol da centravanti per il trentatreenne Gao Lin (G. Evergrande), che finalmente si sblocca; vale lo stesso per l’attaccante italiano, che mette la palla in rete dopo una cavalcata di 50m, ed aver imbambolato la difesa avversaria. Il Guangzhou rimane terzo a -8 dalla vetta, mentre il Suning scende in 6° posizione.

Collassano Dalian Yifang e Hebei Fortune

L'immagine può contenere: 14 persone, persone che sorridono, folla

Nella parte bassa della sconfitta, vengono malamente sconfitte il Dalian Yifang di Yannick Carrasco e l’Hebei Fortune di Javier Mascherano.

Choi Kang Hee lascia nuovamente fuori Marek Hamsik, ma non basta la solita grande prestazione di Yannick Carrasco, che va pure a segno, per evitare la sconfitta interna per 2-1 contro il Wuhan Zall di Li Tie. La Han Army in apertura di partita sbaglia un rigore con Stephane M’bia, ma riesce a sbloccare le marcature con Leo Baptistao. A decidere la sfida, dopo il pareggio della star belga del Dalian, è la grande cavalcata dell’ivoriano Kouassi, che si divora la difesa avversaria.

Perde in casa anche l’Hebei Fortune di Chris Coleman, oramai quasi condannato all’esonero. A Langfang a prevalere è l’Henan Jianye dei camerunesi Frank Ohandza (a segno con una doppietta) e Christian Bassogog, con quest’ultimo che segna la rete del definitivo 3-2. All’Hebei non basta la doppietta di Marcao e gli uomini di Coleman rimangono inchiodati al penultimo posto in classifica.

Lo Shanghai Shenhua in crisi, vola il Chongqing

Nelle altre gare del nono turno, lo Shanghai Shenhua, pur perdendo Odion Ighalo per infortunio dopo appena un quarto d’ora, riesce a strappare un prezioso pareggio (punto salvezza) sul campo del Tianjin Teda: nella ripresa Giovanni Moreno risponde alla rete di Frank Acheampong. Per lo Shenhua, con 8 punti in 9 gare, si tratta della peggior partenza da quando esiste il professionismo.

Continua invece a sorprendere il Chongqing SWM di Jordi Cruijff, che liquida con un semplice 2-0 il fanalino di coda Beijing Renhe con le reti di Fernandinho e dello uiguro Mawlanyaz, portandosi a 15 punti in classifica, a più 10 sulla zona retrocessione.

In netta ripresa il Guangzhou R&F di Dragan Stojkovic (con 9 punti nelle ultime cinque gare), che vince per 2-1 sul campo del Tianjin Tianhai con le reti degli israeliani Eran Zahavi e Dia Saba. I Blue Lions si portano al decimo posto a quota 11 punti, mentre il Tianhai, si trova pericolosamente a +2 sulla zona retrocessione

Tabellini e Highlights

CHONGQING SWM-BEIJING RENHE 2-0 (66′ Fernandinho 85′ Mawlanyaz)

HEBEI FORTUNE-HENAN JIANYE 2-3 (’29,’45 Marcao/’6,’44 Ohandza,’66 Bassogog)

DALIAN YIFANG-WUHAN ZALL 1-2 (66′ Carrasco / 58′ Baptistao, 88′ Kouassi)

TIANJIN TEDA-SHANGHAI SHENHUA 1-1 (10′ Jonathan / 76′ Moreno)

TIANJIN TIANHAI-GUANGZHOU R&F 1-2 (64′ Sun Ke \ 24′ Zahavi, 78′ Saba)

BEIJING GUOAN-SHENZHEN 3-0 (12′, 19′ Bakambu, 62′ Augusto)

GUANGZHOU EVERGRANDE-JIANGSU SUNING 2-2 (24′ Gao Lin, 92 Shihao (p)\66′ Eder, 73′ Teixeira)

SHANGHAI SIPG-SHANDONG LUNENG 2-1 (74′ Elkeson\1′ Guedes)

 

CLASSIFICA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.