Si vince solo se la squadra lavora da squadra, se ogni individualità si perde nel collettivo

Da settimane ormai, si parla con una certa insistenza di un possibile approdo di Jorge Sampaoli sulla panchina della Nazionale Cinese per il dopo Marcello Lippi, proveremo ad analizzare questa possibilità concentrandoci su aspetti negativi ed eventuali risvolti positivi, della sua nomina, in questo articolo.

I marchi di fabbrica che hanno contraddistinto, nel bene e nel male, la carriera dell’allenatore cileno sono: il 3-3-1-3, la pressione altissima ed un calcio iper-offensivo completamente votato al possesso palla prolungato. Possibile applicare questo stile di gioco con la rosa a disposizione?

Una squadra che viene meccanicamente schierata con un fronte d’attacco composto da trequartisti e mezze punte, spesso con solo due difensori di ruolo in campo, che fanno del pressing organizzato quanto asfissiante il proprio scopo unico ed esistenziale. Wu Lei, Huang Zichang, Wei Shihao a comporre il reparto offensivo in una futuristica Cina gestione Sampaoli con Zhang Linpeng, Feng Xiaoting e perchè no Chenjie Zhu (giovane quanto promettente centrale dello Shanghai Shenhua) a reggere il reparto difensivo. Il singolo in questo sistema è assolutamente annullato: non conta, sono fondamentali i movimenti, l’insieme degli interpreti e ovviamente il loro spirito di sacrificio.

Un calcio per quanto possibile socialista ed egualitario che con la Nazionale Cinese può trovare ovviamente il suo stadio definitivo di realizzazione.

L’interrogativo per eccellenza però, è se la guida di: el chileno riuscirà a dare un’identità di gioco forte ad una rosa fin troppo succube dello stile di gioco degli avversari, vista anche la scarsa qualità degli interpreti. Grande curiosità, sulla sua possibile nomina, anche perchè Sampaoli non ha nessun tipo di esperienza pregressa in Chinese Super League ed i suoi predecessori, Camacho e Alain Perin, con un back-ground simile al suo hanno malamente fallito qualunque obbiettivo prefissato.

“Una squadra imprevedibile con una bella filosofia, che pensa sempre ad attaccare, che può mettere in difficoltà chiunque

Che sia la strada giusta per realizzare l’ormai celebre ed illustre “Sogno Cinese Calcistico” tanto enfatizzato dal Leader Supremo della Repubblica Popolare Cinese Xi Jinping?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.