Il nuovo volto della Chinese Super League sarà quello del Qingdao Huanghai. Il club, conosciuto anche per essere partner del Barcellona a livello giovanile, e per condividerne i colori sociali, è allenato da Juan Manuel Lillo, mentore di Pep Guardiola, e fra le proprie fila vi milita Yaya Tourè.

Sabato 26 ottobre il Qingdao Huanghai ha conquistato la promozione in Chinese Super League battendo per 2-0 il fanalino di coda Shanghai Shenxin assicurandosi il primo posto in classifica ed il primo accesso nella storia al massimo campionato cinese.

https://twitter.com/YayaToure/status/1188044011438854145

Il Qingdao Huanghai nel corso della stagione ha cambiato radicalmente il proprio volto, in particolar modo nel mese di luglio quando è stato ufficializzato l’ingaggio di una leggenda del calcio mondiale come Yaya Tourè, il quale era svincolato dopo il suo ritorno in Grecia all’Olympiakos. I nuovi azionisti di maggioranza,  Shenzhen Hengye Investment Group Co., ltd. subentrati quest’anno, hanno subito deciso di investire pesantemente per conquistare quella promozione che il Qingdao Huanghai ha sempre visto sfumare per un non nulla nelle passate stagioni (nel 2016 addirittura solo per la differenza reti).

L’impatto di Yaya Tourè però c’è da dire che è stato più mediatico che altro. L’ex  Manchester City in alcune partite ha dimostrato le proprie eccezionali qualità, ma per la maggior parte erano evidenti i suoi problemi fisici. L’ivoriano  ha disputato 14 partite nel girone di ritorno andando a segno due volte, ma a centrocampo i veri protagonisti sono Stati il veterano 38enne Wang Dong (11 gol) e Gao Xing (10 gol).

Inoltre, il finale di stagione per Yaya Touré è stato alquanto imbarazzante: all’ultima giornata, nella sconfitta per 1-2 contro il Nantong Zhiyun, l’ivoriano è stato espulso dopo appena 10 secondi di gioco! 

Non solo l’ex leggenda di Manchester City e Barcellona; l’altra grande svolta nella stagione del Qingdao Huanghai è stato l’esonero di Jordi Vinalyis (ex allenatore delle giovanili del Barcellona) dopo una sconfitta alla 22ma giornata per 1-0 contro lo Shijiazhuang. Il club cinese ha ingaggiato un altro spagnolo, ovvero Juan Manuel Lillo, una figura fondamentale nell’evoluzione di Pep Guardiola, è considerato essere uno dei precursori del calcio posizionale.

Nonostante la grande importanza dal punto di vista teorico di Juan Manuel Lillo, l’allenatore nel corso della sua carriera ha collezionato molteplici esoneri, l’ultimo in Giappone, con il Vissel Kobe di Andres Iniesta e David Villa, sprofondato in fondo alla classifica.

Il Qingdao Huanghai, che si trova in scia delle prime due posizioni, con Juan Manuel Lillo in panchina è divenuto inarrestabile, con 6 vittorie, 1 pareggio ed 1 sconfitta (quest’ultima all’ultima giornata a qualificazione già acquisita) che hanno permesso ai blaugrana di Cina a conquistare titolo e promozione. L’allenatore spagnolo ha esordito il 24 agosto nella vittoria interna per 3-1 contro lo Sichuan. Tre vittorie consecutive prima del pareggio nello scontro al vertice contro lo Changchun Yatai e successivamente altri tre successi (3-1 al Liaoning, 1-0 al Beijing Sports University ed il già citato 2-0 allo Shanghai Shenxin) hanno consentito al Qingdao Huanghai di tagliare un traguardo storico.

Il volto dei blaugrana di Cina potrebbe però essere destinato a cambiare ancora una volta: in un’intervista rilasciata ad AFP, Yaya Tourè ha fatto intendere che lascerà la Cina: “Resterò qui fino a dicembre e poi cercherò un’altra sfida. Il mio desiderio è continuare a giocare fino ai 40 anni. La gente pensa che io sia finito, ma non è affatto così”.

Dubbi anche sulla permanenza di Cleo: il brasiliano ex Guangzhou Evergrande ai tempi di Marcello Lippi ha spento 34 candeline ed il suo contatto scade al termine della stagione. Quest’anno Cleo ha disputato 23 partite con 14 gol messi a segno, è stato il miglior marcatore nella stagione del Qingdao Huanghai. L’esperienza in Chinese Super League di Cleo potrebbe essere utile al club blaugrana, ma tutto dipenderà dalle ambizioni della società nel 2020. Non ha brillato quest’anno Ricardo Vaz Te (33), che quest’anno ha messo insieme solamente 14 presenze e 5 gol a causa degli infortuni. L’ex attaccante del West Ham non è sicuro di poter mantenere il proprio posto in squadra.

La Partnership fra Barcellona e Qingdao Huanghai

Image result for barcellona huanghai

Non solo gli stessi colori sociali ed alcune figure, fra giocatori ed allenatori che hanno militato in entrambe le squadre. Nel 2015 gli azionisti di maggioranza di allora, la Huanghai Pharmaceutical Co Ltd. hanno stretto una partnership con il club spagnolo a livello di formazione giovanile, con i tecnici del Barça che lavorano nelle scuole affiliate con il Qingdao Huanghai. “Il modello di allenamento a La Masia è il migliore al mondo- ha dichiarato Wang Zekai, presidente del club cinese- sono sicuro che con il Barcellona realizzeremo progetti importanti a Qingdao e in Cina. Noi abbiamo entusiasmo e risorse e il Barcellona ci aiuterà a veicolarle per portarci al successo”.

In passato inoltre fra le fila del Qingdao Huanghai vi sono stati due elementi che hanno un trascorso nelle giovanili del Barça: Joan Verdù è un centrocampista di impostazione che ha militato nel Barcellona B dal 2002 al 2006, è passato anche in Italia, con un brevissimo trascorso alla Fiorentina (cinque presenze e un gol). Joan Verdù è arrivato a Qingdao nel 2015 insieme all’allenatore Jordi Vinalys, il quale negli anni ’80 da calciatore si è formato nelle giovanili del club catalano per poi farvi ritorno nel ruolo di allenatore nel 2012, per tre anni, prima di essere trasferito in Cina.

Lo Shijiazhuang l’altra promossa in CSL

La squadra della capitale della provincia di Hebei conquista il ritorno in massima serie dopo la retrocessione del 2016 con un ultimo turno di campionato folle.

Lo Shijiazhuang vince 2-0 in casa contro lo Xinjiang con rete di Yifeng e del brasiliano Muriqui, con l’ex Evergrande autentico protagonista della stagione con 20 gol.

Superati in classifica sia il Guizhou Hengfeng, che perde a Pechino, e lo Changchun Yatai, travolto nel derby del Dongbei 4-1 da Heilongjiang.

Dunque la squadra allenata dall’iraniano Ghotobi compie una folle impresa e accede alla Chinese Super League 2020 assieme al Qingdao Huanghai di Juanma Lillo

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.