Lo scorso febbraio Wu Lei ha esordito con la maglia dell’Espanyol, destando grande attenzione mediatica, almeno in Cina. Il motivo di tanto trambusto era dovuto al fatto che, dopo anni di tentativi a vuoto, un giocatore cinese fosse riuscito finalmente a ben figurare in uno dei cinque principali campionati europei. Un successo non solo per il prestigio nazionale del “Dragone” ma anche a livello di marketing per il piccolo club spagnolo, se pensiamo che per vedere il suo esordio ben 40 milioni di cinesi si sono sintonizzati sulla TV nazionale PPTV mentre 5000 maglie venivano vendute con il suo nome nel giro di due settimane.

A dire la verità, però, Wu Lei non è la prima stella cinese nel calcio europeo contemporaneo, né tanto meno quella più importante: nell’estate dello scorso anno, infatti, Wang Shuang, la giocatrice più di talento della squadra femminile del Wuhan, è stata acquistata dal Paris Saint Germain, accendendo l’entusiasmo dei tifosi e le speranze della Nazionale femminile cinese in vista dei Mondiali che si stanno disputando in questi giorni in Francia.

Continua le lettura su L’Ultimo Uomo