Ci risiamo, ancora una volta la Cina affronta il Qatar nell’ultima giornata del girone per le qualificazioni mondiali, in un match da dentro o fuori. Anche questa volta la missione pare impossibile per gli uomini di Lippi a cui servirà un miracolo per accedere ai playoff e affrontare una compagine fra Australia e Arabia Saudita.

Il miracolo di Xi’an

Il 29 marzo del 2016, la Cina ospitava il Qatar già qualificato nell’ultima giornata del secondo turno di qualificazione. La nazionale del dragone, allora allenata da Gao Hongbo, necessitava di vincere e sperare in favorevoli risultati negli altri gironi per passare al terzo turno come una delle quattro migliori seconde. La Cina riuscì a prevalere per 2-0, con le reti siglate nel secondo tempo dal centrocampista Huang Bowen e Wu Lei. Contemporaneamente, negli ultimi minuti di gioco, la Nord Corea si fece rimontare clamorosamente dalle Filippine che vinsero per 3-2, permettendo così alla Cina di qualificarsi.

Cosa serve agli uomini di Lippi

Nel girone A è ancora tutto aperto per la corsa al secondo e al terzo posto, i verdetti definitivi riguardano solamente l’Iran, già qualificato con largo anticipo a Russia 2018, e il Qatar, relegato all’ultimo posto dopo la sconfitta dell’ultimo turno contro la Siria, dunque impossibilitato a raggiungere qualunque traguardo utile.

La Cina dopo aver battuto l’Uzbekistan lo scorso turno grazie al rigore trasformato da Gao Lin, si trova al quinto posto, a nove punti, a tre lunghezze di distanza da Uzbekistan e Siria. Per poter accedere al terzo posto gli uomini di Lippi dovrebbero battere a Doha un Qatar già eliminato, con almeno due gol di scarto e contemporaneamente sperare che l’Iran sconfigga la Siria (sempre con due gol di scarto) e che la Sud Corea riesca ad espugnare il campo dell’Uzbekistan. Una combinazione di eventi che pare impossibile, come quella del 29 marzo 2016.

Attenzione alla Sud Corea, pericolosamente in bilico in quest’ultimo turno: se i coreani dovessero perdere in casa dell’Uzbekistan e la Siria dovesse fare risultato in Iran, la Sud Corea scivolerebbe dal secondo al quarto posto venendo così estromessa dal mondiale.

Le partite del girone A giocheranno tutte quante in contemporanea domani 5 settembre alle ore 17:00. Nel girone B invece è lotta aperta fra Saudi Arabia e Australia, entrambe appaiate a 16 punti, ma i sauditi vantano una miglior differenza reti. Le Aquile d’Arabia ospiteranno il Giappone già qualificato al Mondiale, mentre i socceros se la vedranno in casa contro la Thailandia.

Classifica Gruppo A: Iran 21, Sud Corea 14, Siria 12, Uzbekistan 12, Cina 9, Qatar 7

Classifica Gruppo B: Giappone 20, Saudi Arabia 16, Australia 16, UAE 13, Iraq 8, Thailandia 2