Il 12 marzo la Cina U19 esordirà nel torneo di Viareggio, inserita nel Girone 10 esordirà contro ‘Rappresentativa Serie D’. Nel gruppo sono inserite anche Spal e Salernitana. Il Team Dragon è alla sua seconda partecipazione consecutiva alla manifestazione, lo scorso anno conclusa alla fase a gironi con una vittoria, una sconfitta ed un pareggio. Dopo una prima manifestazione nella quale alcuni giovani calciatori cinesi hanno dimostrato di avere un buon potenziale, per questa Viareggio Cup la Cina U-19 sarà l’osservata speciale di Footure Lab, società specializzata in data analysis e performance monitoring, allo scopo di analizzare le prestazioni del team cinese e perché no, scovare quei calciatori che con le giuste motivazioni possano iniziare un percorso di formazione sportivo e culturale in Italia.

Il Progetto Footure Lab

Sto raccogliendo tutte le informazioni necessarie per favorire l’avvio di un percorso triennale in Italia (frutto di una sinergia tra un club professionistico ed una società dilettantistica emergente) per un calciatore della selezione cinese U19 che disputerà la Viareggio Cup 2019 – ha dichiarato a Calcio8Cina Davide Porru, consulente strategico molto vicino a Footure Lab – Tre stagioni nelle quali l’atleta verrebbe assistito a tempo pieno da uno staff specializzato incaricato di favorirne l’ambientamento e la crescita a 360°, dalla lingua all’alimentazione passando per tutti gli aspetti atletici e tecnico-tattici. Il racconto dell’esperienza attraverso contributi testuali e audiovisivi quotidiani (sui social occidentali e su quelli cinesi) permetterebbe di rendere prima sostenibile poi commercialmente produttivo il progetto, ma non è solo marketing: oltre alla certificazione del valore organizzativo del calcio italiano e della competitività della sua filiera (che siamo costretti a esportare) c’è in gioco il sogno di un popolo, c’è da capire qual è il modo migliore per aiutarli ad avere una nazionale competitiva magari formata da individualità cresciute in contesti studiati ad hoc, proprio come avvenne al nucleo della selezione qualificatasi (guarda caso per la prima e ultima volta) ai mondiali nippocoreani che nell’adolescenza partecipò allo storico Jianlibao Model in Brasile.

Il lavoro di Footure Lab permetterà di andare oltre una valutazione piatta o troppo soggettiva rilevando analiticamente informazioni molto importanti nell’ottica della definizione e della piena realizzazione di un percorso mirato per il singolo, nel quale l’intatta conservazione dell’equilibrio organizzativo della società che lo ospiterà giocherebbe un ruolo di primaria importanza. Nella rosa che parteciperà al Viareggio ci sono diversi elementi interessanti, dei quali bisognerà poi sicuramente verificare se i rispettivi livelli di ambizione e dedizione sono commisurati alla tipologia di impegno che gli verrebbe richiesto per una buona riuscita del progetto. Da tenere d’occhio e analizzare con attenzione sicuramente il giovanissimo attaccante Qianglong Tao ed il difensore centrale mancino Shaocong Wu. ma anche il fresco 18enne Abudulamu Abudurousuli, trequartista, potrebbe stupire. Chiamato alla conferma invece l’onomatopeico Peng Peng, uno dei migliori portieri della scorsa edizione.

C’è anche un italiano che funge tra la comitiva cinese ed il comitato organizzativo del torneo stesso. E’ il giovanissimo Andrea Dinelli, 22 anni, figlio dell’ex Presidente del Viareggio, Stefano Dinelli, che studia marketing all’Università di Pisa e che sta svolgendo uno stage formativo presso il Centro Giovani Calciatori di Viareggio, organizzazione storica del torneo.

Chi sono i talenti del futuro?

Andiamo dunque a conoscere meglio la squadra cinese per capire chi sono i giovani da tenere sott’occhio e che forse, fra qualche anno potremo veder debuttare in Italia. Secondo i dati gentilmente offertici da Davide Porru, dei 29 calciatori in lista solamente in tre hanno debuttato in Chinese Super League, si tratta di Xu Haoyang, classe ‘99 centrocampista dello Shanghai Shenhua, Tao Qianglong, attaccante nato nel 2001 in forza all’Hebei Fortune e Guo Tianyu, altro classe ‘99, punta centrale del Wuhan Zall. Sia Qianglong che Tianyu sono stati segnalati per la loro buona frequenza al gol nelle nazionali giovanili. Cai Mingmin invece, mezzala del Guangzhou vergrande (classe ‘2000, ha debuttato nel professionismo in Chinese FA Cup).

I giocatori che, secondo gli esperti, sono maggiormente interessanti vi è il portiere Peng peng (19), in forza allo Shanghai Shenxin, fra i migliori nella scorsa Viareggio Cup. Wu Shaocong è invece un centrale difensivo in forza all’Evergrande (19), negli anni scorsi ha militato in Giappone in J2 League. Abudorosuli Abudulamu (18), è un trequartista in forza allo Shandong luneng, di origine uigura, è stato fra i talenti maggiormente apprezzati nella scorsa Viareggio Cup. Fra i giocatori che vantano percorsi formativi all’estero troviamo anche il portiere di riserva Yan Bingliang (19), che fa attualmente parte delle giovanili del Villareal e Wei Changcheng (20), attualmente in forza all’Hebei Fortune, ha militato nella seconda divisione serba, così come Yao Xuchen (20), in prestito in seconda divisione al BSU, ma di proprietà smpre dell’Hebei.

Il Guangzhou Evergrande è il club che detiene la proprietà del maggior numero di calciatori di questa selezione, ben sei. Altrettanti (per quel che si è riuscito a recepire, ma potrebbero essere molti di più), si sono formati calcisticamente nella storica Genbao Academy a Shanghai, ovvero la scuola calcio fondata dall’omonimo allenatore da cui è sorto lo Shanghai Sipg campione di Cina.

Dove può arrivare la Cina U-19?

Il passaggio del turno è un’incognita legata alla capacità del gruppo di saper interpretare le gare.Sostiene Davide Porru –Tecnicamente infatti i ragazzi cinesi dovrebbero rivelarsi complessivamente superiori a tutte le rivali, data la qualità dei percorsi (disomogenei) che ognuno di loro ha affrontato finora, anche testimoniato dai buoni risultati ottenuti dal gruppo nel 2018 tra cui spicca un 3-1 all’Uruguay che ha ben figurato nel mondiale U20. L’esordio del 12 contro la Rappresentativa Serie D è un vero banco di prova per entrambe, mentre dopo l’abbordabile gara del 14 contro la Salernitana (sarebbe clamoroso un risultato diverso dalla vittoria della Cina) sarà eventualmente quella del 16 contro Spal a stabilire il più probabile e storico passaggio agli ottavi di finale. 

IL CAMMINO DELLA CHINA U19 NEL GIRONE 10 DELLA VIAREGGIO CUP 2019:

Martedì 12 marzo 2019 – ore 14:00 (Diretta Rai Sport)
Rappresentativa Serie D – CHINA U19 (arbitro Di Marco di Ciampino)
Intels training center “Ferdeghini”, La Spezia (Sintetico)

Giovedì 14 marzo 2019 – ore 20:30
CHINA U19 – Salernitana (arbitro Ferrieri Caputi di Livorno)
Stadio “Masoni”, Fornacette (PI) (Erba naturale)

Sabato 16 marzo 2019 – ore 15:00 (Semidifferita ore 16:00 Rai Sport)
CHINA U19 – Spal
Intels training center “Ferdeghini”, La Spezia (Sintetico)